Tavoli Luminosi Fai da te! Il nostro Atelier ispirato all’Approccio di Reggio Emilia.

Il piacere dell’apprendere, del conoscere e del capire è una delle prime fondamentali sensazioni che ogni bambino si aspetta dall’esperienza che affronta da solo o con i coetanei e con gli adulti. Una sensazione decisiva che va rafforzata perché il piacere sopravviva anche quando la realtà dirà che l’apprendere, il conoscere, il capire possono costare difficoltà e fatica. E’ in questa sua capacità di sopravvivere che il piacere può sconfinare nella gioia.

Loris Malaguzzi

Questa é la citazione che apre la presentazione degli Atelier di Luce delle scuole e asili di Reggio Emilia. L’esperienza, il piacere, il conoscere, la gioia: sono gran parte di quelle sensazioni e vissuti che vorremmo trasmettere ogni volta che da educatrici creiamo un progetto per i bambini con i quali lavoriamo. L’approccio di Reggio Emilia é venuto in nostro aiuto per un percorso di Atelier che abbiamo organizzato il 18 Marzo e il 1 Aprile a Parigi.

Ecco quindi svelato un nuovo ingrediente della nostra Maionese Educativa: I tavoli luminosi.

I veri tavoli luminosi di Reggio Emilia sono creati e costruiti per le scuole e gli Asili di Reggio, su internet troverete alcune soluzioni più o meno economiche, ed ecco la nostra:

Materiali:

  • Scatola IKEA  trasparente rettangolare e bassa per avere un ampio spazio di esplorazione e ricreare un “vero tavolo luminoso”, ricordatevi di aggiungere anche coperchio e manici per chiuderla;
  • Ghirlanda di luci LED a pile da inserire nella scatola, per una buona luminostià consigliamo almeno l’acquisto di 3 ghirlande per scatola;

IMG_20170401_194448294

  • Carta forno per ricoprire tutti i lati della scatola internamente, in questo modo darete alla scatola una parvenza nuova e gli occhi dei vostri bambini saranno maggiormente protetti dalla luce LED.
  • Palline luminose di diverse grandezze che cambiano colore da posizionare all’esterno della scatola;
  • Fogli colorati, fogli metallici, carta velina fogli 3D, pochette trasparenti
  • Materiali di diversa natura e non strutturati, come: tappi, pigne, mollette di legno, foglie, stoffe, sacchetti, cubi di legno, cubi colorati, bottiglie sensoriali, sacchetti trasparenti e opachi, barattoli trasparenti, bastonicini di legno ecc; non ci sono limiti alla fantasia e all’esplorazione; Ad esempio durante una gita in campagna all’aria aperta il vostro bambino raccoglie legnetti e foglie?  favoloso, rientrato a casa potà esplorarli sul nuovo tavolo luminoso!

    Visualizzazione di IMG_0001.jpg
    PH Federica Quaglia – Agenzia AMA- Co-organizzatrice dell’atelier.

Una volta creato il tavolo luminoso non vi resta altro da fare che sistemarlo in una zona buia o in penombra e voilà che il vostro bambino sarà immerso in una nuova dimensione!

L’IDEA PEDAGOGICA che sta dietro a questi tavoli luminosi é quella di “creare un ambiente di ricerca dove la luce può essere indagata nelle sue diverse forme, attraverso esplorazioni capaci di provocare meraviglia e curiosità, di stimolare creatività e approfondimenti” cit reggiochildren.it

I diversi materiali e l’esplorazione della luce permettono una nuova esperienza dei fenomeni e delle cose, permettono al bambino di intraprendere diversi percorsi da solo o in gruppo. Esso é invitato a interrogarsi e incuriosirsi, proverà e riproverà ad esempio a  far riflettere la pallina luminosa sul foglio di carta stagnola, costruirà nuovi pensieri e nuovi percorsi mentali.

I molteplici linguaggi del bambino vengono messi in gioco: parola, suoni, costruzioni, composizioni visive, disegni e rielaborazioni.

Il passo finale del nostro Atelier é stata una fase di collage: su dei fogli di legno i bambini hanno incollato con una speciale colla legno, i materiali che avevano esplorato durante l’atelier, dando vita ad una vera e propria opera d’arte vissuta e sperimentata grazie ai tavoli luminosi.

Un pensiero educativo costante che ci ha guidato durante quest’atelier e che ci guida nella nostra pratica educativa é il NON sositituirsi mai al bambino nella sua esplorazione, egli deve essere di libero di toccare o non toccare, esplorare, incollare e sperimentare come meglio crede i materiali proposti, l’adulto deve lasciarsi trasportare dai linguaggi del bambino ed essere per lui una presenza e uno stimolo prezioso.IMG_20170319_104858_347

.

IMG_0006 (1)
Ph Federica Quaglia- Agenzia Ama, Co-Organizzatrice dell’Atelier
Annunci

L’importanza dell’ordine per i bambini….ci pensa “Petit Fernand”!

“L’ordine esterno aiuta a costruire l’ ordine interno del bambino”

 Intramontabili parole di Maria Montessori.

 

Abbiamo parlato varie volte di come il bambino costruisca la percezione di se stesso e del mondo attraverso l’ambiente che lo circonda, ed é quindi importante che questo sia organizzato e ordinato, oltre che pensato a misura di bambino e dei suoi bisogni.

In quanto genitori ed educatori dobbiamo fornire al bambino un supporto che viene dall’esterno: aiutarlo ad organizzare i suoi spazi, i suoi oggetti, i suoi giochi per aiutarlo a costruirsi come persona e sviluppare una sua autonomia.

Il bambino si trova spesso in collettività, che sia all’asilo, a scuola o con degli amici ad un’ attività extrascolastica…..non sempre sarà facile ritrovare la propria felpa blu o i suoi pennarelli nuovi…e per la maestra o l’educatrice nemmeno.

Quante volte assistiamo all’ Asilo, a situazioni  in cui la maestra chiede di chi sia quel gilet bianco e nessuno risponde? oppure il bambino non ha il coraggio di rispondere perché troppo timido e insicuro?

Nell’immaginario comune il bambino é l’agente per eccellenza del disordine….ma chi lo dice? é veramente cosi? La nostra risposta é NO!

Dipende da quali strumenti mettiamo a disposizione del bambino…

Per l’adulto l’ordine corrisponde a un solo bisogno estetico, i giochi ben sistemati e l’astuccio in ordine , ma per il bambino l’ordine ha un significato più profondo….é un tipo di ordine che gli permette di “essere, agire e muoversi più agevolmente nel mondo”.

In quanto adulti possiamo iniziare dalle piccole cose per aiutare i bambini a creare un certo ordine intorno a loro…..il nostro ingrediente per un’ottima Maionese Educativa oggi é: Petit Fernand

ordine 2

Petit Fernand vi permette di creare delle etichette personalizzate per i vostri bambini, per vestiti e oggetti di ogni genere, in modo che il bambino possa sempre riconoscere e ritrovare quello che gli appartiene e averlo sempre in ordine.

Il primo passo é quello di creare le etichette con il vostro bambino, in modo che egli possa veramente ritrovare qualcosa che gli appartiene. Egli avrà cosi un vero punto di riferimento.

Petit Fernand offre la possibilità di scegliere il colore dell’etichetta e il disegno da affiancare al nome del bambino. Cosa c’é di meglio se non farlo scegliere al bambino stesso? Anche per i più piccolini di 3 anni che non sanno ancora leggere, trovare un “camion dei pompieri” come etichetta sulla propria felpa, funzionerà certamente per ricordargli che é sua!

Sul sito potrete trovare etichette di vario genere e dimensione, per vestiti e oggetti di grande qualità!

Cosa aspettate? correte sul sito Petit Fernand per creare delle splendide etichette per i votri bambini!

Approvato e testato da Marta e Valentina di Maionese Educativa e dai nostri bambini allAsilo!

IMG_20170401_224200